Regionali FVG 2013 – Proposte per un programma elettorale

Pietro Pipi: utilizzare il momento elettorale per incardinare una battaglia condivisa (quale emergerà dal dibattito; io proporrò il trittico legalità/trasparenza/libertà)

Marco Gentili: 1) Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati

2) Riforma degli istituti di democrazia diretta

Abbassare il numero minimo delle firme da 30.000 a 10.000, mantenere il numero massimo di referendum per ogni anno a 5, abolire il quorum o ridurlo al 30%, garantire autenticatori gratuiti ai promotori (istituzione di un albo delle disponibilità e la previsione di rimborsi direttamente agli autenticatori, nel caso di delegati del Sindaco, se il referendum risulta valido), firme on-line (attraverso la PEC)

3) Abolizione dei finanziamenti in denaro ai gruppi regionali, con la sostituzione in servizi agevolati per stampa, telefono, affitto sale ecc… e spazi di informazione garantita a tuttti i soggetti politici rappresentati o no in consiglio regionale.

4) Riscrittura della legge elettorale regionale in senso maggioritario, o quanto meno obbligo di raccolta di firme per tutti alle elezioni (parità di condizioni)

5) Istituzione del garante regionale delle persone private della libertà personale (quindi anche per i pazienti sotto TSO)

6) Abolizione dell’indennità di fine mandato

Corrado Libra: Diritti civili: tutela e sostegno dei nuclei familiari fondati su vincoli affettivi ai sensi dell’art. 4, comma 1, D.P.R. n. 223/1989

(Famiglia anagrafica 1. Agli effetti anagrafici per famiglia si intende un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune 2. Una famiglia anagrafica può essere costituita da una sola persona) e garanzia di pari opportunità e pari condizioni di accesso ai servizi forniti dalla Regione Friuli Venezia Giulia.

Dichiarazione di fine vita: possibilità di registrare sulla tessera sanitaria la dichiarazione anticipata di trattamento sanitario depositata presso i registri comunali della Regione Friuli Venezia Giulia (ad oggi sono 27 i comuni che hanno approvato il registro)

Lorenzo Cenni: condivido tutte le proposte fatte ma ne aggiungerei una, per superare il problema dell’autentificazione delle firme: In alternativa all’autenticatore presente al tavolo, si potrebbero autenticare le firme allegando alle firme la fotocopia del documento d’identità del firmatario. Si capisce bene che è un buon metodo, mi sembra impossibile carpire di documenti d’identità di qualcuno nella malaugurata ipotesi che qualcuno vollesse inserire firme false

Corrado Libra: considerato che il Friuli Venezia Giulia ha 1.235.000 abitanti circa ovvero  poco più del comune di Torino proporrei di inserire l’azzeramento di tutte e 4 le provincie e delle comunità montane, la ridistribuzione delle mansioni e del personale (fino a livello di quadro) tra i comuni e la regione, personale con livello superiore a quadro a casa, dismissione e vendita di tutti gli edifici in carico alle province

Stefano Santarossa: 1) sulla riforma elettorale reintroduzione dei collegi uninominali, a turno unico. L’attuale legge proporzionale con premio di maggioranza alimenta la partitocrazia;
2) cancellazione dei Consigli di amministrazione di nomina partitica, rappresentanti nelle partecipate i sindaci senza gettoni di presenza;
3) cancellazione delle province e comunità montane;
4) introduzione obbligatoria dei metodi dell’agenda 21, pianificazione territoriale sovracomunale;
5) anagrafe dei dipendenti delle PA, verifica produttività dei dipendenti pubblici, stop alle nomine di tecnici per meriti politici, verifica applicazione trasparenza incarichi professionali oggi assolutamente non presente;
6) forti incentivi ad aziende private che investono su ricerca con detassazione per chi assume.

Infine segnalo che oggi non sappiamo quanti saranno i consiglieri regionali nella prossima legislatura. Non è possibile pertanto iniziare a raccogliere le sottoscrizioni per partecipare alle prossime regionali (sei mesi prima delle elezioni), o meglio attualmente dovremmo raccogliere su liste i candidati per eleggere 59 consiglieri. In caso passasse la riforma a 50 consiglieri  tutte le firme andrebbero buttate. Come saprete non è possibile cambiare le regole del voto dodici mesi prima delle elezioni. Siamo pertanto in una situazione di illegalità.

Pietro Pipi: per me il minimo comun denominatore è :

1) nomina garante persone detenute;
2) impegno su APE sulla scorta della delibera Lazio;
3) impegno a cancellare legge regionale che da TFR o vitalizi;
4) dat nella tessera sanitaria;
5) impegno ad introdurre per tutti gli atti mainstreaming pro antidiscriminazione cioe’ tutti gli atti devono avere requisito di non discriminare in base a scelte religiose/sessuali/politiche o appartenenza etnica.

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *